Tennis il dritto top spin

Tennis il dritto top spin

Anche a livello amatoriale è fondamentale riuscire a colpire la palla imprimendo la rotazione in top spin: questo perché con questo tipo di rotazione a parità di energia impressa colpendola flat, riusciamo ad alzare il margine di sicurezza, in quanto la palla si ritrova ad avere una parabola a cadere verso il terreno di gioco. Oltre a questo, l’aspetto più importante è il disagio che crea questo tipo di effetto, che costringerà l’avversario di turno a giocare una palla che rimbalza più alta rispetto ad un colpo giocato senza rotazione (flat).

Le possibilità per generare spin e quindi aumentare le rpm alla pallina sono 2: giocare con un’impugnatura e quindi una presa aperta ( semi western o western) oppure una presa eastern , ma l’azione del polso sarà molto più importante e questo aspetto viene evidenziato nel video.

Importante anche la rotazione interna dell’avambraccio al momento dell’impatto e successivamente.Oltre a questo deve sempre essere attivata la catena cinetica, a partire dai piedi, gambe e ginocchia, rotazione del tronco e del busto-spalle.

Per quanto riguarda il grip, al momento dell’impatto è consigliabile non mantenere una pressione eccessiva delle dita, perché altrimenti si rischia di irrigidire il braccio e la spalla perdendo flessibilità e scioltezza, requisiti fondamentali per la buona riuscita del colpo.

 

Bisogna  tenere in considerazione un aspetto molto importante: con una presa eastern  il punto d’impatto avviene all’incirca all’altezza dei fianchi, con una semi-western il punto d’impatto avviene leggermente più in alto, tra fianchi e spalle, con la western, invece, il punto d’impatto è all’altezza delle spalle.

E’  quindi facile dedurre che le ultime due impugnature sono più adatte a generare spin, ma allo stesso tempo a difendersi su un colpo dell’avversario che gioca molto top spin perché ci consente di colpire la palla in anticipo.

No Comments

Post A Comment